Julie & Julia

julie-e-julia1949. Julia Child si è appena trasferita a Parigi per seguire il marito addetto culturale dell’ambasciata americana. Nella nuova città è ammaliata dalla cucina francese e per combattere la noia inizia un corso professionale per diventare cuoca. La passione la travolgerà, tanto da scrivere un libro che, dopo le tortuose vicende per pubblicarlo, diventerà la Bibbia per qualsiasi americano che voglia imparare a cucinare. Tutt’oggi la Child è una leggenda negli Stati Uniti.
Nel 2002, Julie Powell si è appena trasferita nel Queens, sopra una pizzeria. All’università era tra le più promettenti ma la sua vita, alla soglia dei 30 anni, è in un limbo da quando ha rinunciato a completare il suo romanzo. Riuscirà a trovare un senso alla sua esistenza grazie al libro di Julia Child, aprirà un blog e racconterà la sua sfida: completare le 524 ricette della sua eroina in 365 giorni. [tratto da mymovies]

Dopo aver visto questo film e con già l’idea in testa di comprarmi il dominio labna.it decido di fare anche io un blog di cucina, chiedo aiuto ad una amica, J., la quale accetta con entusiasmo l’invito. Nasce, quindi, dalla voglia di qualche cosa di buono, ma senza la collaborazione di Ambrogio, www.labna.it. Un blog che spero vada bene, come dice il titolo, ci mettero “amore” nel fare da mangiare, lo stesso che ci metterò per rendere partecipi i sicuri miglioni di utenti che useranno il ricettario per trovare idee interessanti e sfiziose!

Tra le altre come mi sembra un ottimo modo per impiegare il mio tempo, imparare nuove ricette, avere amici a cena da me! W IL CIBO!!!

ps: Speriamo di avere la costanza per non mandare tutto a remengo!
pps: Bel film, lo consiglio.

Successo o fallimento?

Il successo è l’abilità di passare da un fallimento ad un altro senza perdere l’entusiasmo.
Winston Leonard Spencer Churchill (1874 – 1965)

È un peccato il non fare niente col pretesto che non possiamo fare tutto.
Winston Leonard Spencer Churchill (1874 – 1965)

Ogni fallimento è semplicemente un’opportunità per diventare più intelligente.
Henry Ford

Autunno

autunnoMilano nell’ultima settimana ha fatto vedere la faccia peggiore di se. Grigia, piovosa ed il sole che tramonta a metà pomeriggio certo non aiuta ad avere una visione piacevole della città.
Oggi in pausa pranzo, camminando vicino al carcere di San Vittore per andare a prendere il sushi, ho visto un tappeto di foglie gialle incorniciate tra due filari di alberi, ex-proprietari del fogliame. L’autunno non è la più bella delle stagioni, un po’ perchè il suo arrivo coincide con l’arrivo del freddo, la fine delle vacanze e il consecutivo inizio dell’anno lavorativo, ma quello che disturba di più sono le piogge e l’accorciamento delle giornate. Come ogni stagione, però, anche l’autunno ha del bello, momenti come oggi in cui l’immagine che ti trovi davanti ti ricorda che la natura è proprio una grande cosa! BRAVA MADRE NATURA!!!
Il miglior autunno della mia vita l’ho passato in Canada, ormai al suo decimo anniversario… (sospiro) boschi d’aceri a perdita d’occhio, tappeti infiniti di foglie rosse e, come ciliegina sulla torta, un vero halloween che risaputamente ha, a parte il nero, come secondo colore l’arancione.

Foto gentilmente scattata e offerta da Max