Maial college

Maial college, una commedia tutta americana che sconfina nella demenzialità, è un film del 2002. Durante il girato un attore dice: “Non prendere la vita troppo sul serio, tanto non ne uscirai mai viva!”. Mi sembra una grande verità: molto spesso la gente non si rende conto di quanto ci si perda sulle piccole cose… le piccole cose sono piccole per definizione. Lo so che ci si dimensiona sui propri problemi e si vede tutto con i propri occhi, che inevitabilmente hanno una serie infinita di filtri dati dalle nostre esperienze passate, ma è anche vero che le piccole cose sono tali, e tali devono rimane. Insomma, è come non godersi una giornata di sole perché il giorno dopo le previsioni danno pioggia (a prescindere dal fatto che le previsioni si possono anche sbagliare!).

é NaTaLe! :-)

A chi ama dormire ma si sveglia sempre di buon umore,
a chi saluta ancora con un bacio,
a chi lavora molto e si diverte di più,
a chi ha l’entusiasmo di un bambino e i pensieri di un uomo,
a chi va in fretta in auto ma non suona ai semafori,
a chi arriva in ritardo ma non cerca scuse,
a chi spegne la televisione per fare due chiacchiere,
a chi è felice il doppio quando fa la metà,
a chi si alza presto per aiutare un amico,
a chi vede nero solo quando è buio,
a chi non aspetta il Natale per essere migliore…

Buon Natale e Buon 2010!

NO Berlusconi Day

NO Berlusconi DaySono stato al “NO Berlusconi Day” di Milano in piazza Fontana. Sono andato lì da solo, ma mi ha fatto molto piacere non essere solo una volta arrivato! Il clima era arrabbiato, a tratti furioso, scocciato e logoro dal comportamento della politica e delle persone che dovrebbero rappresentarci. Molte osservazioni e molti spunti di ragionamento: il primo tra tutti, il non dare colpe ad altri se prima non abbiamo fatto i conti con noi stessi, del resto un impegno costante del popolo dovrebbe migliorare la situazione… ma il comportamento nostrano ci porta a scaricare le colpe sempre su altri (colpe che si meritano tutte in questo caso!); seconda, la legge per il taglio dei fondi alle scuole… il governo ci vuole stupidi ed ignoranti… ci vuole sucubi delle storie che ci propinano; terza, la legge sulla privatizzazione dell’acqua che incontrotendenza a tutta l’europa porterà aggravi fiscali e come e buona abitudine in italia anche mal servizio.
Tante persone informate hanno parlato, tante parole per orecchie attente sono state dette, la verità rimane una: così non si può più andare avanti!

Ricordiamoci ciò che tutti dovremmo sapere a memoria:
Art. 1
L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.
La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

Art. 3
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Gli altri li trovate qui